ERBADELLASTREGA webzine


ORDEAL BY FIRE - "Untold Passions" [Strobelight Records, 2004]

Atteso da molti in maniera quasi spasmodica, ecco finalmente il primo lavoro su lunga durata della band capitanata dall'ex Burning Gates Michele Piccolo. Già il mini precedente mi aveva lasciato ottime impressioni, ed evidentemente non ero stato l’unico a reagire così, dato che il passo tra la sua pubblicazione ed il contratto con la Strobelight è stato relativamente breve,
a dimostrazione che quando dico che ci sono ottime band in Italia in grado di competere ed in alcuni casi sotterrare quelle estere non è mero campanilismo! "Dirty floor" apre il lavoro, molto lenta e cadenzata fa da preludio per la prima vera esplosione goth rock, "Hiding", che forte del suo anthem centrale potrebbe divenire la loro nuova "Re-creation" (presente anch'essa in una nuova veste più rifinita). "Hanging on" è uno degli episodi più "anomali" del lavoro, dove le influenze post punk e wave si fanno sentire. Mentirei se dicessi che il brano in questione non è il mio preferito in assoluto. Completo, articolato, senza essere "pesante" scivola via dentro l'anima tra stacchi, cambi d'atmosfera e grande ariosità. Ed è questo il lato che più mi piace degli OBF, riuscire a proporre il gothic rock vecchia scuola senza doverne riproporre a tutti i costi i cliché. La liquida e sinistra "Prisioner", con il suo andare cadenzato è un ottima contrapposizione alla grintosa "Life's uncertainty", altro cavallo di battaglia sfornato dalla ditta Piccolo e co. E poi la coinvolgente "Tides", la malinconicamente rabbiosa "At the mercy of men" e la conclusiva mini suite "Heartfelt sympathy" (che se non erro era soprannominata mammut nelle precedenti esibizioni live a causa delle sue "dimensioni")... brano quest'ultimo che nonostante la sua lunghezza e complessità compositiva, non risulta essere pesante ed, anzi, rapisce l'ascolto fino alla fine, costringendo l'ascoltatore a rischiacciare il tasto play. Buone nuove da Torino. Gli Ordeal By Fire ci sono, suonano con l'anima e mieteranno molte vittime. I gothrockers mondiali non potevano chiedere di meglio. [Max 13-34]